LA STORIA DELLA BANDIERA

La Bandiera è un drappo normalmente di forma rettangolare, a uno o più colori diversamente disposti, issata su un'asta di metallo o legno, oppure su un pennone, o su corda e usato come emblema o mezzo di segnalazione. Il lembo fissato al sostegno prende il nome di altezza, mentre il corpo principale viene detto lunghezza. Dalla forma oppure dalla funzione, si distinguono vari tipi di bandiere: vessilli, insegne, guidoni e pennelli.

L'origine della bandiera è molto antica risale intorno al 1000 a C. pare fosse già nota agli indiani, e ai cinesi quali imitarono i drappi che gli egizi fissavano su aste molto decorate con figure di simboli. La Bibbia cita le insegne delle famose dodici tribù del popolo d'Israele si presume che anche i romani e i greci usavano le bandiere.

Nel Medioevo diversi modelli erano in uso; lo stendardo con dimensioni più grandi indicava la presenza di un personaggio importante; il vessillo veniva issato durante i combattimenti. Entrambi recavano lo stemma della famiglia di appartenenza (ceti nobili). Il guidone e il pennello era usato dai cavalieri. Con la nascita degli stati e il declino del feudalismo le bandiere nazionali divennero la categoria più diffusa.

Attualmente ogni nazione ha la sua bandiera, vengono usate nei corpi militari associazioni, enti, comunità ecc. Diverso invece è lo scopo,delle bandierine di segnalazione, che servono per segnalare o trasmettere dei messaggi, nelle navi ad esempio la bandiera bianca indica la resa, nei stabilimenti balneari la bandiera rossa indica che il mare è mosso, e così via.

 info@labandiera.com